Vai a sottomenu e altri contenuti

S'allega jerseza

Su trabàlgiu e su stùdiu in pissu de sa limba sarda no at allogau po s'allega ogliastrina un aposentu precisu. Scieus perou ca s'Ogliastra est una terra chi tenit medas cosas diferentis de is atras. E custu costumat a capitai fìncias po sa limba, chi est considerada de totus is istudiosus ''fìlgia de su Campidanesu'' o, comenti si narat propriamenti, ''sub-varietà del Campidanese'', po su chi interessat su lèssicu, la fonètica e sa morfologia. Ma est connota po èssiri limba ''conservativa'' po mori ca at mantènniu is trassas prus antigas de su Campidanesu etotu, comenti a nai ca nd'at pigau is fuedhus nous e dhus at lassaus oici chene dhus tocai.
Est po custu ca s'Ogliastra es diversa de su Sarrabus, de su Gerrei, de sa Baronia de Dorgali e de Orosei, mancai essint a probi, e po cussu etotu sighendu de Jersu fìncias a Talana si erribat, a bellu a bellu, a su barbaricinu (Seui, Dèsulu, Laconi).

In s'Ogliastra de sus - Alta Ogliastra naraus - i dhu est totu una filera de infrissas foneticas e morofologicas: Wagner at mutiu is allegas de custas zonas ''dialetti misti''. Su chi curpit inderetura in sa limba chi manìgiant in Baunei, Urtzulei, Talana, Bidhamanna e Artzana est s'èsitu de is vocalis etimològicas -E/-O > -e/-o comenti in su Logudoresu, diversamenti de su Campidanesu e de su restu de s'Ogliastra etotu.
Po mori de custu, Maurizio Virdis narat:

''se il Nuorese può considerarsi una varietà omogenea al Logudorese, ma rispetto ad esso più conservativo, la stessa cosa può dirsi dell'Ogliastrino e del Barbaricino meridionale nei confronti del Campidanese; se però il Nuorese può considerarsi una delle aree, delle varietà principali del Sardo, la stessa cosa non può dirsi invece per l'Ogliastra e per la Barbagia meridionale: ciò perché mentre l'area nuorese si mostra ben compatta a causa del quasi perfetto coincidere delle isoglosse che la individuano, le nostre due aree non sono invece altrettanto ben delimitate, in quanto le loro isoglosse più caratteristiche tendono a seguire percorsi divergenti e intersecantisi''.1

Andaus a biri imoi cali funt is tretus prus significativus de s'allega ogliastrina, cun s'agiudu de is professoris universitàrius Maurizio Virdis e Blasco Ferrer:

  • Palatalizzazione della velare iniziale di CĬTĬUS: il fenomeno, finora non evidenziato, si arresta nettamente ai limiti dell'Ogliastra storica: Tertenia e Perdasdefogu mostrano číssu, ma Muravera o Escalaplano hanno già kíttsi, soluzione Campidanese.
  • Esito affricato prepalatale lungo della velare sorda latina intervocalica: DĒCEM > déğğe/i, contro Log. dége, dé?e, e Camp. déži.
  • Esito assibilato dei nessi latini -CJ- e -TJ- : BRĀCCHĬUM, CĬTĬUS > brássu, číssu/o contro Log. braθθu, kíθθo, kítto, e Camp. bráttsu, bráčču e kíttsi, kíčči.
  • Rafforzamento, per mezzo di vocali medie [e / o], della vibrante iniziale di lessema: RĬUŬM, RŎTAM > erríu, orróda, contro Log. ríu, ròda e Camp. arríu e arròda.
  • Esito differente per il nesso -LJ- : FĪLĬUM > fíğğu, fíl'u, fílğu, contro Log. fídzu e Camp. fíllu. Quanto all'esito -lğ-, proprio di Jerzu, può essere considerato un suono assai arcaico poiché molto vicino a quello latino, e va ricordato che i documenti medioevali campidanesi presentano sempre li da LJ (filiu, muliere, ecc); il suono l' può essere un'evoluzione spontanea di LJ in una zona dove il nesso latino si è mantenuto a lungo immutato .Nella parte sud-occidentale l'isofona segna nuovamente una netta frontiera fra Ogliastra e Gerrei campidanese: Perdasdefogu fílğu (accanto a fíl'u), ma Ballao/Escalaplano fíllu. La presenza a Gairo, centro sotto alcuni aspetti molto conservativo, di un esito innovativo (il nesso evolve in liquida geminata: fíllu) è degno di nota.
  • Passaggio di q/g + [w] a [bb], come in tutto il Log. ed il Camp. settentrionale e antico: EQUAM > ébba ‘cavalla'; SANGUEN > sámbene, sámbani, sámbini ‘sangue'. Il fenomeno va inteso, in questo caso, come fatto di arcaicità.2

A questi fenomeni si possono aggiungere i seguenti:

a) mantenimento della liquida intervocalica: SOLE(M) > sòli ‘sole', MALU(M) > málu ‘cattivo';
b) mantenimento della nasale intervocalica: LUNA(M) > lúna ‘luna', PANE(M) > páni ‘pane';
c) connessa ai due fenomeni sopraelencati è l'assenza di vocali nasali o turbate.


Chi andaus a biri sa limba de bidha nosta, podeus nai ca teneus aberu una ''perla linguistica'' unica in totu sa Sardigna: s'èsitu -LJ- in --. Es po cussu ca naraus: mèlgius, pilgioni, àlgiu, òlgiu, fìlgiu, candu in Ulassa e in Osini narant: mèglius, piglioni, àgliu, ògliu, fìgliu.
Gràssias a su libru de Tonino Serra, dottori e storicu jersezu, eus arregoltu is fuedhus de s'allega de bidha, chi podeis agatai ordinaus alfabeticamenti e fìncias dividius po argumentu. Nos pragit arregodai su chi at scritu Tonino Serra in pissu de su dialetu jersezu poita est su chi eus pensaus nos puru candu eus fatu su progetu de sa Limba Sarda:

''È una lingua vivissima, ricca di sfumature e di parole dai significati diversissimi, che dispiace vedere sparire, lentamente, giorno dopo giorno.
Con essa rischiano di sparire le stesse radici del nostro passato, l'eco della nostra cultura trascorsa, che viveva e si alimentava nella campagna, negli orti, nei campi aperti, attorno ai fogilis dei pastori e alle casupole del nostro villaggio. Mi auguro che queste poche centinaia di vocaboli, suscitino una profonda nostalgia per un passato che diventa sempre più remoto e con essa il desiderio di non lasciare morire la lingua jerzese, di riprendere a parlare la lingua dei nostri padri e di raccoglierne, allargandola oltre gli angusti confini di questo umile dizionario, l'eredità culturale oggi in pericolo
''.3

1 M. Virdis, Aree Linguistiche, in ''Lexikon der Romanistischen Linguistik (LRL)'', a cura di G. Holtus, M. Metzeltin, C. Schmitt, vol. 4, Tübingen, Max Niemeyer Verlag, 1988, p. 902.

2 Cfr. E.Blasco Ferrer, Le parlate dell'Alta Ogliastra, Cagliari, Ed. Della Torre, 1988, p. 182-183

3 Tonino Serra, Ierzu. La gente, i luoghi, la memoria, Quartu Sant'Elena, Astra Editrice, 1996, p. 251-252.

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
Vocabolario Jerzese - GLOSSARIO GENERALE Formato pdf 145 kb
Vocabolario Jerzese - ANIMALI DOMESTICI E DELLA PASTORIZIA Formato pdf 57 kb
Vocabolario Jerzese - ANIMALI SELVATICI E DEI CAMPI Formato pdf 30 kb
Vocabolario Jerzese - INSETTI - VERMI - PARASSITI Formato pdf 29 kb
Vocabolario Jerzese - CACCIA Formato pdf 15 kb
Vocabolario Jerzese - IL TEMPO E LE STAGIONI Formato pdf 23 kb
Vocabolario Jerzese - VITICOLTURA Formato pdf 21 kb
Vocabolario Jerzese - VEGETAZIONE Formato pdf 26 kb
Vocabolario Jerzese - CASA Formato pdf 27 kb
Vocabolario Jerzese - CORPO UMANO Formato pdf 37 kb
Paperi antigu auba si ligit, po sa primu ia, su nòmini de Jersu cun su sartu e is bìngias Formato jpg 158 kb
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto